NOTIZIE

13 luglio 2015

Erasmus+, 1.750 i docenti italiani in partenza

Aumenta dell'8% il numero degli insegnanti che svolgeranno nei prossimi mesi un periodo di formazione o docenza in scuole europee

di Elena Maddalena


È soprattutto grazie a Erasmus+ che i docenti in servizio e quelli futuri beneficiano di mobilità per studio o sviluppo professionale all'estero. A dirlo è l'ultimo rapporto della rete Eurydice La professione insegnante in Europa: pratiche, percezioni e politiche, presentato di recente a Bruxelles.

Dallo studio scopriamo che quasi un quarto degli insegnanti in mobilità è stato all’estero per motivi professionali grazie a questa misura, mentre programmi di formazione finanziati a livello nazionale o regionale permettono una formazione in Europa in 1 caso su 10.   

Ma quante persone nel mondo della scuola in Italia sono coinvolte da attività di formazione all’estero con Erasmus+? Che tipo di attività svolgono? Quali sono le destinazioni?

Quest'anno saranno circa 1.750 i docenti di scuole italiane che l’Agenzia ha selezionato dopo una lunga e accurata valutazione dei Progetti di Mobilità per l’apprendimento individuale. Nei prossimi mesi gli insegnanti, ma anche altro personale della scuola, partiranno per svolgere un corso di formazione o un periodo di docenza in istituti europei, con un aumento dell'8% rispetto allo scorso anno. Resta molto forte l’esigenza di formazione all’estero da parte dei docenti italiani: alla scadenza della scorsa primavera l’Agenzia ha ricevuto un numero di candidature che supera 10 volte i fondi a disposizione per questa misura.

Come immaginabile, questa opportunità è principalmente appannaggio del genere femminile e le regioni di provenienza sono la Sicilia – da dove parte il 16% di tutto il personale della scuola finanziato a livello nazionale per attività di formazione - seguita da Emilia Romagna, Puglia e Lazio.

Insegnanti e staff della scuola scelgono soprattutto corsi di formazione strutturati (79% dei casi) ma sono in crescita i docenti che preferiscono svolgere mobilità per jobshadowing. Il prossimo anno scolastico infatti saranno 370 gli insegnanti (21% dei casi) che trascorreranno un periodo di osservazione in un istituto di un altro Paese. C’è anche chi ha scelto di realizzare un periodo di insegnamento in una scuola europea, un’esperienza che permette il contatto diretto con modi e metodi didattici adottati in altri paesi e per questo altamente formativa. Se si guarda alle destinazioni, resta il Regno Unito la meta scelta da quasi il 50% dei docenti, seguita da Irlanda, Spagna e Francia ma anche da destinazioni meno scontate come Malta e la Finlandia.

Non bisogna dimenticare che un’attività di formazione europea, indipendentemente dal tipo di mobilità che viene realizzata, diventa un’esperienza di crescita professionale e di sviluppo di nuove competenze che parte dalle esigenze dell’istituto nel suo insieme e all’istituto stesso ritorna, sotto forma di innovazione nell’insegnamento.


Per approfondire:

 

 

 

vedi tutte le notizie
LOGO ALERT

'Teach different!': l'Indire a EM&MITALIA2015

I ricercatori dell'Istituto sono protagonisti (online e in presenza) della multiconferenza di Genova su e-learning e media education.

di Costanza Braccesi

Dieci anni di eTwinning in Italia, tutti i numeri dal 2005

Pi¨ che raddoppiati negli ultimi tre anni gli iscritti alla piattaforma europea di gemellaggi elettronici fra scuole.

di Elena Maddalena

eTwinning, ripartono i seminari regionali di formazione

Appuntamento nelle scuole di tutta Italia per gli incontri sulla community di gemellaggio elettronico fra le scuole d'Europa.

di Lorenzo Mentuccia

IUL: aperte le iscrizioni al Master di II livello per i Dirigenti Scolastici

Il corso Ŕ organizzato insieme a Indire, UniversitÓ degli Studi di Firenze e Associazione Nazionale Dirigenti.

di Luca Rosetti

IUL: aperte le iscrizioni al Master in 'Musica Primaria'

Ideato insieme al Conservatorio di Musica 'Luigi Cherubini' di Firenze per i futuri docenti della scuola primaria e dell'infanzia.

di Luca Rosetti
iscriviti a indireALERT

archivio numeri precedenti